med1_150

med2_150

med3_150

raja_yoga_150

energheia_150
 
 

Basta bufale sul web! Cominciamo dal governo…

 

Scie chimiche

 

In questa Italia bella e maledetta che democrazia ci è rimasta? Poca roba vero? Però a quei filantropi che ci governano pare ancora troppa, tant’è che stanno pensando bene di ridurcela, visto mai che qualche lembo di verità riuscisse ancora a circolare. In un paese in cui i media sono tutti in mano ai centri di potere dominanti, l’unico spazio, relativamente libero, è rimasto il web, pesantemente infiltrato comunque da troll di ogni genere, in particolare quelli governativi.

La senatrice Adele Gambaro, ex 5 stelle ora verdiniana (?! wow, il trasformismo di Crisi era roba da ridere) ha pensato bene di presentare un decreto di legge contro le bufale sul web, che stranamente (si fa per dire) ha trovato ampio consenso negli altri partiti politici, che evidentemente si sentono minacciati da questo piccolo spazio di possibilità di pensiero non irregimentato, e controllato alla fonte. Certo se ne sentiva la mancanza! La senatrice Gambaro però, forse non ha considerato che tal democratico decreto potrebbe ritorcersi contro le governative forze.

Sì, perché a ben vedere chi è oggi in Italia, e se vogliamo nel mondo, che le spara più grosse? Chi se non coloro che siedono sugli scranni del potere? E di certo non è una novità. Il controllo dell’informazione, molto probabilmente nasce con i graffiti sulle pareti delle caverne, ed ha sempre rivestito un ruolo importantissimo nella gestione del potere in tutte le epoche ed in tutte le civiltà, mai come oggi però si è arrivati ad una diffusione così globale, ed al tempo stesso facilmente controllabile.

Quindi, chi diffonde le bufale più grosse, oggi come oggi, sono sicuramente i mezzi di informazione ‘ufficiali’, strumentalizzati dai nostri cari politici, che ci danno un bell’esempio, dando il meglio di sé, quando devono, che so, nominare il Consiglio di Amministrazione della RAI. Nell’Italia repubblicana, tralasciando l’uso dei media durante il fascismo, possiamo citare esempi meravigliosi di bufale di stato. Che so, vogliamo parlare della strage di piazza Fontana, e di tutta la stagione stragista italiana? Qualcuno sa che cosa è successo veramente a Ustica?

Poi, visto che l’Italia, secondo quell’obsoleto documento scarsamente rispettato dai nostri governi che si chiama Costituzione Repubblicana, ripudia la guerra, noi abbiamo contribuito a portare la democrazia un po’ in giro per il mondo, specialmente nei paesi ricchi di petrolio, e ricchezze di vario genere. Pensa te che abbiamo partecipato anche ad una grande impresa di democratizzazione di un paese che addirittura nascondeva  temibili arsenali chimici e armi di distruzione di massa… ricordate vero?

I tempi più recenti ci hanno regalato Berlusconi e Renzi, che probabilmente sono ancora in gara tra di loro per chi la spara più grossa, che in effetti non si sa ancora chi abbia vinto. Secondo me si trovano per un pokerino il giovedì sera, e se la ridono della grossa… mi immagino i dialoghi: dai… pensa che sono riuscito a fargli credere che l’abolizione dell’articolo 18, che tu non ce l’avevi mica fatta, è per il loro bene. E anche il Jobs Act e lo Sblocca Italia… ahahahahah!!

La tattica delle tattiche è poi quella di far passare per bufale le verità scomode, cercando di screditare con ogni mezzo i ricercatori che, a loro rischio e pericolo, si azzardano a denunciare le malefatte governative. Oggi, per esempio, vanno per la maggiore le scie chimiche e i vaccini, due argomenti evidentemente molto scomodi, visto gli interessi che vanno a toccare. Eppure abbiamo delle analisi che certificano che ormai piovono pentole di alluminio dal cielo, che l’alluminio da solo non ci va mica in cielo, abbiamo riscontri in tutto il mondo dei sorvoli e delle irrorazioni chimiche, ma secondo i media,  sono tutte bufale.

Così per i vaccini… abbiamo statistiche impressionanti di aumento dell’autismo, tantissimi esempi di danni da vaccino, nessuna analisi o certificazione da parte delle multinazionali, eppure nessuno, non dico mette in discussione le vaccinazioni, ma manco si preoccupa di fare un’analisi che sia una, tanto per verificare che fosse anche solo lontanamente possibile che qualcosa che non vada. Non vorremo mica rovinare i già scarsi guadagni delle multinazionali del farmaco no?

Il ‘movimento anti-bufale’ però viene da lontano, e guarda caso ci siamo trovati con dichiarazioni di Bill Gates, piuttosto che di Tim Cook, assieme ad Obama, che denunciano questo gravissimo problema.. sai che grave. A seguire, bau bau, la Comunità Europea, ed infine la fida Italia. Che dire? Io direi che il Nuovo Ordine Mondiale sta cercando di chiudere la gabbietta dentro la quale ancora un poco riescono ad agitarsi i popoli, e lo fa cercando di stroncare quel poco di comunicazione umana che, tra la immane schifezza internettiana, riesce ancora a passare.

Dulcis in fundo, ma proprio in fundo fundo, la nostra presidenta della camera Laura Boldrini, ha lanciato una petizione ad hoc, e lo ha fatto con il volto dello sdegno, potremmo quasi dire con gli occhi della madre, che segue la carrozzina che cade lungo le scale ne La corazzata Potionkin. Avete presente?! E i primi quattro firmatari di tanto esempio democratico, sono stati quattro signorini, ben noti a chi come me si dedica da tempo alla denuncia del crimine delle scie chimiche. Ossia quattro personaggi che si sono auto-proclamati cacciatori di bufale, che sono però riusciti ad avere una certa rinomanza… non si sa perché… o sì? Immagina… puoi…

Bé, io in questo momento, solennemente, mi nomino cacciatore dei cacciatori di bufale, e vi dico che le bufale le sparano loro, potrò no? Mmmmmm… forse ancora per poco, perché, secondo la proposta di legge della ex stellata, ora tendente al verdino, metti che io procuri allarme, e mi merito anche un anno di prigione. Guarda caso, da anni tutti coloro che parlano di scie chimiche vengono accusati proprio di procurato allarme…

Ma metti caso che un giorno, non si sa perché e come, la ragione e la verità possano prevalere, a dispetto di questi… questi… (fate voi) che ci governano, di che cosa dovremmo accusarli? Una volta che fosse appurato dalla magistratura che i vaccini, come a qualcuno risulta, sono contaminati e che da decenni irrorano sostanze tossiche per finalità belliche in atmosfera, assieme magari a tante altre belle cose che i nostri politici sono capaci di fare,    che tipo di condanna dovremmo prevedere per costoro?

Ma è più facile che finisca in galera io, se non ci diamo una mossa tutti e tutti insieme a partire da subito! Scusate se vi ho procurato un po’ troppo allarme, ma non ne ho potuto proprio fare a meno. E poi qual era quell’articolo della Costituzione a proposito della libertà di espressione? Ma non sarà proprio questo a procurare allarme?

 

No ai vaccini

 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,