Alimentazione & Stile di vita, Attualità

A casa mia per Pasqua non uccidiamo l’agnello

Mangiare carne di agnello a Pasqua fa parte della tradizione, in particolare questa usanza deriva dal modo ebraico di festeggiare il Pesach, ovvero la Pasqua ebraica.lambs-323064_640

Una tradizione che dura da secoli, e che purtroppo, a quanto pare non accenna ad estinguersi, così, anche quest’anno, secondo Coldiretti, in Italia la carne di agnello sarà servita su una tavola su due, sia nelle case, che nei ristoranti, o negli agriturismo.

Sono spiacente, ma non posso che parteggiare con quanta più risolutezza sono in grado di esprimere davanti ad una barbarie di tale proporzione, che sicuramente non tradirà le usanze di chi ha calcato i piedi su questa terra prima di noi, ma che oggi giorno, lasciatemelo dire, non ha nessun tipo di significato se non quello di soddisfare un bisogno assolutamente non primario, ne tanto meno necessario. Spesso capita poi di sentire addirittura motivazioni religiose nel voler legittimare la mattanza di queste piccole creature indifese, e la cosa è davvero patetica.

Ritengo patetica la posizione di chi vuole trovare un significato religioso nell’uccidere una creatura vivente, inoltre sono fermamente convinto di due cose: la prima è che non esiste nessun buon motivo al mondo per uccidere un cucciolo indifeso, e la seconda, è che sono abbastanza convinto che solo in pochi di coloro che mangeranno un agnello sappiano davvero cosa significhi uccidere , o abbia visto con i suoi occhi come si sgozza un agnello.

Siamo ormai generazioni da supermarket che si riforniscono di cibi in pacchi plastici; riconnettiamoci con le situazioni reali, facciamoci un giro dove si macellano gli animali e poi vediamo..

Non voglio ora entrare sul vero significato religioso legato all’agnello, chiudendo, mi limiterò solo a fare il punto su un concetto essenziale da tenere bene a mente. La tradizione spesso porta con se un bagaglio conoscitivo positivo, ma può significare anche dogmatismo, rigidità, incapacità di imparare attraverso il cambiamento, e in questo modo, seguendo ciecamente la tradizione, tradiamo quello che è il presente, in cui, almeno secondo la mia modesta opinione, non c’è davvero nessun buon motivo per sgozzare un agnello.

Detto questo ognuno mangi quello che vuole, davvero, ma a proposito di tradizione, se ci va teniamo presente che un po di tempo fa qualcuno diceva che la grandezza di un popolo si misura anche dal modo in cui tratta gli animali.

Per me, aveva ragione.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook