Alimentazione & Stile di vita, Attualità

Buttate via le pastiglie e i video games: fate giocare i bambini al sole

Sun_in_X-RayIl Sole, dal latino Sol, è la stella madre del sistema solare, fonte di Vita attorno al quale orbitano gli otto pianeti principali tra cui la Terra.

La luce del sole e i raggi UVB hanno un ruolo fondamentale nel metabolismo della vitamina D, necessaria per sviluppo di ossa e denti, ma soprattutto molto utile per l’assorbimento intestinale di calcio e fosforo, fattori fondamentali per lo sviluppo sano di un bambino. Sarà per questo che i nostri nonni, senza titoli di studio ma armati di saggezza popolare, insistevano nel tenerci considerevolmente all’aperto?!

La risposta è si, infatti senza la vitamina D, si può arrivare ad avere problemi di rachitismo, che è una malattia tipica dell’età pediatrica ed è appunto causata da un difetto di ossificazione della matrice osteoide di nuova formazione.

L’aspetto di un bambino rachitico è inconfondibile: pallore, difficoltà ad alzarsi in piedi ed affaticamento, nonché una spiacevole attitudine ad essere spesso vittima di raffreddori ed influenze.
Inoltre, la deformazione della cassa toracica tipica del rachitismo rende la respirazione difficile e può causare bronchite e broncopolmonite.

Ma se attualmente la cura prevista per questa malattia consiste nell’assunzione di integratori di vitamina D, attraverso l’esposizione ai raggi ultravioletti o nella semplice elioterapia, la prevenzione gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del bambino; e adesso chi lo va a spiegare ai produttori di videogames, psicofarmaci e slot machine per i nostri piccoli?

Progetti commerciali fatti apposta per trattenere schiere di pargoletti in uno stato di bontà catatonica, e psicofarmaci per monelli troppo vivaci sembrano essere una giusta risposta per chi, dovendo necessariamente fare carriera, si trova a dover gestire quello che sembra davvero un problema insormontabile: la semplice, spontanea purezza dei bambini.

A volte mi fa ridere pensare a come questa spregevole tendenza di sedare i bambini con ogni mezzo, abitudine che sarebbe stata considerata folle solo fino a qualche anno fa, si stia lentamente consolidando come possibilità moralmente accettata nella nostra “vita moderna”; ma dopo poco non rido più, perché lo sdegno rispetto a questo tema è troppo grande.

Ma siamo davvero sicuri che siano i bimbi quelli che hanno bisogno di essere sedati? O sono forse certi genitori, badate bene non tutti, quelli che dovrebbero farsi un po di terapia, magari all’aria aperta?! I risultati potrebbero essere miracolosi, tanto da giungere a considerare più sano che un bambino arrivi a casa con le ginocchia sbucciate, piuttosto di vederlo risucchiato tutto il pomeriggio da uno schermo.

Non riuscire a sostenere un bambino, non solo nel senso di sorreggerlo nella sua crescita, ma soprattutto riguardo al fatto di trovarlo insopportabilmente ingestibile ed irritante, è un chiaro segnale che qualcosa non va. La cura consigliata è quella di fare un bel respiro, rileggersi i seguenti libri per ragazzi: i tre porcellini, i ragazzi della via Pal e Pinocchio; mettersi immediatamente in discussione e giocare al più presto con questo strano essere che fa domande semplici a cui non abbiamo risposte probabilmente perché, prendendoci troppo sul serio in quanto adulti, abbiamo perso di vista la semplicità, la spontaneità e la purezza tipica di un bambino.

Con questo piccolo manuale tutto torna al suo posto, e cosa più straordinaria, troveremo interessantissime e molto istruttive le nostre giornate, provare per credere.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook