Alimentazione & Stile di vita, Attualità

Le creme solari pericolose e le passerelle politiche sul bagnasciuga

Schermata 2014-08-22 alle 16.45.31Alcune sostanze presenti nelle creme solari danneggiano il fitoplancton, mentre alcune notizie sono altamente tossiche per il nostro Paese.

Il fitoplancton è l’insieme degli organismi autotofri fotosintetizzati nel plancton ed è alla base della catena alimentare in quasi tutti gli ecosistemi acquatici; vip e politici semi nudi in spiaggia sono invece un fenomeno alla base della catena alimentare di chi, facendosi distrarre da queste notizie, dimentica la triste situazione in cui stiamo marcendo.

Tornando alle creme solari, uno studio pubblicato dalla rivista dell’American Chemical Society ha recentemente denunciato la presenza di nano particelle di biossido di titano e di ossido di zinco in molte delle protezioni che usiamo per una tintarella di luna perfetta. Secondo i ricercatori queste nano particelle reagiscono con i raggi ultravioletti del sole formando perossido di idrogeno, che è tossico per il fitoplancton.

La sperimentazione è stata condotta a Maiorca, dove ogni anno milioni di turisti si bagnano nelle calde acque del Mediterraneo; i test hanno evidenziato come il biossido di titanio nelle creme solari sia responsabile dell’aumento estivo del perossido di idrogeno, danneggiando così la vita marina intorno alle coste.

Che molte sostanze chimiche dannose per l’ambiente e le persone siano presenti nell’industria cosmetica non è una novità, quindi è necessario scegliere di usare il più possibile prodotti naturali, come non è una novità l’onnipresenza quegli elementi tossici e lobotomizzanti, riconducibili a quell’industria di notizie che vuole darci in pasto topless e bikini di personaggi dello spettacolo, ma soprattutto di politici in vacanza.

Naturalmente è legittimo che qualcuno voglia sapere dove la ministra x ha passato un’estate hot con un fantomatico mago che ha quel non so che di misterioso charme, tanto da fare nascere in noi quella curiosità indomabile di sapere che scarpe usa, di che industria è l’amministratore delegato o ancora meglio, che tipo di occhiali lo definiscono come uomo.

Com’è assolutamente un diritto quello di sapere cosa questi noti personaggi hanno mangiato in quel particolare ristorante, e a che ora sono usciti di casa stamattina; si tenevano per mano? Perché? Domande più che giuste, il popolo italiano, strozzato da una crisi terribile da ormai molti anni, ha il diritto e il dovere di sapere la verità.

La volontà popolare del nostro Paese vuole sapere tutto, vuole delle risposte, ora, senza se e senza ma, è per questo che i più noti quotidiani italiani, che prendono soldi pubblici motivati dal fatto che l’informazione è un diritto sancito dalla Costituzione, hanno pubblicato in bella posta intere “gallerie estive” in cui, fra una tetta un culo e un tatuaggio, nel blue dipinto di blue, abbiamo finalmente visto la verità.

Così, anche quest’estate, fra un un selfie, un piatto di spaghetti, e una nuova manovra politica che non riscatta la nostra bellissima terra, osserviamo ministre che camminano in bikini sul bagnasciuga, altre che vengono fotografate in topless, uomini politici in evidente sovrappeso che parlano al telefono in bermuda , personaggi del mondo dello spettacolo che si scaccolano, e calciatori osannati con contratti milionari.

Intanto nel mondo intero divampano guerre, carestie, epidemie; da quello che viene definito Terzo Mondo, milioni di persone muoiono per cercare di arrivare sulle nostre spiagge, dove per la prima volta dalla storia della nostra Repubblica, una componente del governo è stata fotografata senza reggiseno. Chissà che crema ha usato..

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook