Attualità

Deposito nazionale di scorie nucleari: individuate le aree

warning-577062_640La data è il 2022, anno in cui sorgerà il deposito nazionale di scorie nucleari con tanto di parco tematico a due passi.

A chi piace il nucleare? I sostenitori di questo pericoloso modo di produrre energia portano spesso tesi interessanti a sostegno delle loro opinioni, ma su un tema davvero non possono fare i finti tonti: con le scorie nucleari che si fa?

Nel nostro paese sono presenti circa 75mila metri cubi di rifiuti di bassa e media attività, e circa 15 mila metri cubi di rifiuti ad alta intensità, attualmente stoccati in 23 depositi sparsi per la penisola. Ufficialmente figli per il 60% dello smantellamento dei nostri vecchi impianti nucleari, e per il 40% prodotti di attività industriali, o di ricerca e medicina nucleare, queste scorie aspettano da molto tempo una soluzione per essere messe in totale sicurezza in un unico sito.

Quindi ecco che subito dopo le recenti elezioni amministrative, pare sia pronta la lista aggiornata delle aree in cui potrebbe sorgere il deposito da 1,2-2,5 miliardi di euro, che metterà in totale sicurezza tutte le scorie per almeno 200-300 anni. I possibili luoghi sono stati scelti dalla Sogin, che è la società di Stato incaricata di provvedere allo smantellamento dei nostri rifiuti radioattivi.

Già diverse regioni sono corse ai ripari, per esattezza l’Emilia Romagna, la Sardegna e la Basilicata, e ci mancherebbe altro, da noi no! Tuttavia, speriamo ancora una volta, che quel noi diventi un giorno talmente collettivo, da non lasciare scampo all’umanità intera dall’interrogarsi a tal punto sui problemi comuni, come ad esempio quello dello smaltimento delle scorie nucleari, da risolverli definitivamente.

Le centrali nucleari sono strutture molto costose, e la loro attività produce scorie che persistono nella loro terribile pericolosità per migliaia di anni, un rischio in grado di riflettersi inevitabilmente ad ogni latitudine, questo è un dato di fatto.

Il nostro Pianeta ha invece bisogno di un sistema energetico che sia sicuro, pulito ed efficiente, e considerando che le energie rinnovabili stanno dimostrando di poter tranquillamente competere con altre fonti energetiche, auspichiamoci tutti, al di la dei confini regionali, nazionali o razziali, di poter presto disporre in quanto esseri umani, di uno sviluppo energetico in linea con l’assoluta, e sempre più evidente, necessità di una armonia fra noi, esseri umani, e l’ambiente in cui siamo.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Attualità

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook