Alimentazione & Stile di vita, Attualità

Il 60% degli italiani è sensibile alla tutela dell’ambiente

image-216411_640Secondo uno studio di Adiconsum ed Ecodom il 60% degli italiani è sensibile alla tutela dell’ambiente; sarà, ma con i reati ambientali come la mettiamo?

A quanto pare, secondo lo studio di Adiconsum ed Ecodom denominato “Conosciamo l’ambiente”, il 60% degli italiani è sensibile alla tutela dell’ambiente. L’obiettivo dei ricercatori era quello di misurare il grado di consapevolezza dei consumatori italiani anche su tematiche specifiche, come la raccolta differenziata e i rifiuti elettronici, i cosiddetti Raee.

La ricerca ha evidenziato che una buona percentuale di italiani è sensibile alla tutela dell’ambiente, e inoltre, che la maggior parte delle persone intervistate non ritiene di vivere in un contesto ambientale sano, e come di questo problema individui la responsabilità maggiore nei confronti delle istituzioni, che non fanno abbastanza per informare ed educare i cittadini alla salvaguardia ambientale.

Non dimentichiamoci che secondo quanto emerso recentemente durante la presentazione dei dati ricavati dal servizio CITES del Corpo Forestale dello Stato, in Italia si commette un reato ambientale ogni 43 minuti, e questo, al di la delle responsabilità che possiamo attribuire allo Stato, è anche indicativo di quanto la nostra coscienza sia irresponsabile.

Non che la mala politica e ricchi interessi criminali, assieme all’indifferenza e alla mancanza di una educazione ambientale dei cittadini non giochino un ruolo importante nel determinare lo stato di cose in cui viviamo, ma se da un lato è giusto sottolineare delle responsabilità esterne a noi, da un altro, questo deve necessariamente essere accompagnato da un profondo processo di analisi interiore personale, oppure non riusciremo mai a produrre nessun vero cambiamento decisivo.

Dobbiamo ammettere che l’inquinamento, la distruzione degli eco sistemi in nome del denaro e tutta la violenza che subiamo è dentro di noi. Noi siamo violenza, distruzione, inquinamento, conflitto, e solo attraverso una rivoluzione delle coscienze modificheremo la situazione in cui stiamo precipitando.

Fino a che non cambieremo interiormente, non porteremo in essere un cambiamento della realtà esteriore, ma semplicemente la sostituiremo con qualcos’altro per un po, illudendoci di poter modificare la nostra triste situazione senza troppa fatica, demandando questa nostra responsabilità ad altri: politici, dirigenti, o chicchessia, non importa.

Va fatta una corretta informazione, vanno fatte leggi che tutelino l’ambiente, vanno educate le persone, e si deve iniziare fin dalle scuole dell’infanzia, ma tutto questo sarà inutile se non ci sarà una rivoluzione interiore comune in grado di metterci nelle condizioni di esprimere la nostra migliore umanità, e di riappropriarci di un contatto privilegiato con la natura che abbiamo ormai perso da tempo.

Come diceva qualcuno non troppo tempo fa, iniziamo ad essere noi, ora, il cambiamento che vorremmo vedere nel Mondo, per un presente di pace in cui ci sia abbondanza e salute per tutti.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook