Notizie

Il cibo del futuro è solo quello che nutre la nostra Umanità!

Li chiamano novel food. Sono i nuovi alimenti o i nuovi ingredienti alimentari, controllati dalla legislazione alimentare comunitaria (Regolamento 258/97), che secondo recenti studi saranno “fonte di nutrimento alternativo per integrare i cibi tradizionali in vista della crescita della popolazione, per contrastare la malnutrizione e come esempio di sostenibilità ambientale”.

E a proposito di novel food, fanno il loro ingresso in tavola anche le meduse. Ne hanno infatti sostenuto l’importanza, per la dieta del futuro, due ricercatrici italiane al convegno “Research, suistainability and innovation in new foods” orgnizzato a Expo, in collaborazione con Euromarine (Eu), Archimede ricerche e la Fao. Gli studi riportati rilevano il valore nutrizionale di questi animali planctonici: “acqua e proteine, soprattutto collagene, con una efficace attività anti-ossidante”.

Altra tendenza, già sdoganata al Supermercato del Futuro a Expo 2015, e chiamata entomofagia, è il cibarsi di insetti. Un altro studio riconosce il contenuto di proteine, di grassi buoni, calcio, ferro e zinco di cavallette, formiche e affini.

Ora, che l’essere umano abbia capacità di adattamento per garantirsi la sopravvivenza, e che questa facoltà abbia favorito la sua interazione, nelle diverse epoche, con i diversi ambienti e le varietà viventi commestibili, è storia. Ma non è detto che il futuro alimentare sia quello indicato dal novel food.

A monte di tutti gli studi scientifici, c’è da fare una semplice, purtroppo non così ovvia, considerazione. Abbiamo uno strumento che, se accordato con il diapason della bellezza, della bontà e della veridicità, qualità che aderiscono alle leggi evolutive della vita, può indicare il cibo adatto a noi esseri umani, ed è il nostro corpo. Attraverso i sensi prima di tutto, soprattutto se opportunamente armonizzati, e la sua conformazione, possiamo riconoscere ciò che per noi è nutrimento, si chiama biochimica, si chiama acquolina in bocca, si chiama compatibilità, piacere e benessere, si chiama amore per la propria salute.

Tutto il resto è perversione. Cioè si inverte il verso di una spinta naturale in qualcosa che diventa innaturale e che per questo fa male.

Mangiare una medusa dunque, anche se contiene proteine, non è naturale per l’essere umano, semplicemente perché non ne siamo attratti. Che poi i media stiano “pervertendo” anche il nostro gusto, bombardandoci con mode grottesche, disgustose e schifose, per rendere “normali” queste inclinazioni, non è affatto un motivo per non opporsi, anzi. E non finisce qua, non va dimenticato che ogni cibo ha precisi effetti su emozioni e pensieri: è risaputo che ci sono differenze tra il nutrirsi di ortaggi e cereali, latticini o carne, zuccheri raffinati e cibi artificiali, e che queste differenze si ripercuotono sull’intero nostro essere.

Ma se lo sono chiesti questi studiosi quali influenze potrebbe avere sulla nostra sfera fisica, emotiva e psichica il mangiare le meduse?

Non è questa la strada da percorrere, forse è la più conveniente e opportuna per alcuni, ma non di certo per noi esseri umani.

Ci sono tutte le premesse per sfamare le generazioni future e la popolazione mondiale in nome della sostenibilità ambientale. Si potrebbe smettere di allevare animali destinati al macello e che consumano tonnellate di cereali e sono fonte di inquinamento, si potrebbero bonificare interi territori destinati alla coltivazione di ingredienti per l’industria alimentare ma che non danno da mangiare a chi li abita, come le piantagioni di olio di palma in Malesia. Si dovrebbe smettere di distruggere secoli di colture, come i nostri ulivi in Puglia, e convertire intere aeree agricole a produzioni biologiche. Si potrebbero destinare i milioni di euro che vanno poi a finire in progetti come Expo 2015 per risollevare intere economie locali. E si potrebbe fare molto di più: tornare a prendersi cura della terra come fosse un paradiso terrestre, e della nostra alimentazione, rendendola sana, naturale e vitale.

Il cibo del futuro è solo quello che nutre la nostra Umanità!

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Alessandra Bocchi
Load More In Notizie

Check Also

L’Alluminio, le Reazioni Avverse e la Realtà

“I sali di alluminio sono usati da circa ...

Cerca

Facebook