Il tesoro verde

Vegetables in wicker basket isolated on whiteLa green economy fila come un treno. Nonostante nel paese l’economia segni il passo da diverso tempo,  il mercato del biologico conta sempre più estimatori. Secondo dati recenti, in Italia vi sono  50.000 aziende biologiche, dislocate soprattutto al sud. Il mercato interno richiede sempre più prodotti biologici e in Europa ne siamo i maggiori esportatori. In particolare i tedeschi apprezzano la qualità dei nostri prodotti.  Comunque esportiamo biologico in tutto il mondo, per un giro di affari complessivo di oltre 3 miliardi di euro.

Siamo seduti su un tesoro, verde per la precisione. Viviamo nel più bel paese del mondo e oltretutto generoso. Purtroppo stiamo cercando in tutti i modi di distruggerlo, senza accorgerci che in questo modo ci neghiamo il futuro. Fino ad adesso ci siamo distinti nel permettere alle mafie che ci governano di inquinare e di cementificare il bel paese. Tutte operazioni fatte in casa, terribili,  ma almeno griffate made in Italy. Con le irrorazioni clandestine e gli OGM abbiamo raggiunto il limite della fesseria. Permettendo alla Nato di gasarci con le scie chimiche, il terreno si riempie di metalli pesanti e così salutiamo il biologico e soprattutto  la salute. Inoltre, i semi transgenici, creati in laboratorio da certe multinazionali, stanno modificando tutto ciò che coltiviamo nei campi. Anche in questo caso il bersaglio finale è la salute. Non vi può essere coesistenza tra l’agricoltura chimica e quella biologica. Una esclude l’altra.

Quindi sta a noi decidere. Vogliamo il biologico e soprattutto vogliamo rimanere vivi? Allora dobbiamo fermare, iniziando in Italia, quell’attività criminale che, da qualche tempo,  si sta perpetuando, nel mondo, in cielo e in terra.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Luca Tomberli
Load More In Notizie

Check Also

Pesticida Monsanto trovato nei prodotti intimi femminili

Il principio chimico del pesticida più venduto al ...

Cerca

Facebook