Alimentazione & Stile di vita, Attualità

In arrivo pratico Kit giapponese per dormire in ufficio

E’ l’ultima trovata giapponese, nel caso fossimo stanchi, un comodo Kit per dormire sotto la scrivania in ufficio sarà a portata di mano.
beach-84631_640
Quando sento la parola Kit, non so perché ma mi viene sempre da ridere, sarà che la associo a qualcosa di scomodo fatto passare per comodo, o semplicemente perché non ho particolare fiducia nei Kit di qualsivoglia natura, non so, quel che è certo però, è che quando leggo di notizie come questa la mia diffidenza aumenta.

Nel caso in cui ci sentissimo stanchi mentre lavoriamo, dal Giappone con furore è in arrivo il “nap Kit”, la risposta nipponica ai colpi di sonno in ufficio. La sua confezione è grande quanto un vocabolario, tant’è che si può comodamente tenere fra gli scaffali in ufficio pronto all’uso. Una volta aperta la scatola, troveremo al suo interno un materassino gonfiabile e una tuta termica, in modo da poter riposare sotto la scrivania quel tanto che basta a riprendere con diligenza il lavoro.

Che i giapponesi fossero degli stacanovisti lo sapevamo già, e per certi versi il senso civico della popolazione, la tenacia e la disciplina con cui assolvono ai loro doveri, anche sul lavoro, è davvero ammirevole.Tuttavia mi trovo costretto a dover sottolineare l’evidenza, affermando che se per certi versi non siamo tutti giapponesi a sto mondo, un motivo ci sarà.

Pensando al “nap Kit” mi viene in mente la settimana bianca del ragionier Ugo Fantozzi, che sul treno per raggiungere l’agognata località di riposo, volendo a tutti i costi un cestino da un ambulante al binario, per 50.000 lire comprò nell’ordine: una forchettina di plastica, un coltellino di plastica, uno stuzzicadenti di plastica, un bicchierino di plastica, un’ala di pollo di plastica e una mela bacata.

Insomma questo Kit mi sembra davvero una grossa fregatura, primo perché le condizioni di lavoro non migliorano certo dormendo in ufficio, ma difendendo i nostri sacrosanti diritti ormai purtroppo violati, secondo perché dovremmo porci come obiettivo comune quello di lavorare meno e in modo più intelligente senza abbassare per questo i compensi, terzo perché i materassini gonfiabili hanno già il loro ambiente naturale, sotto il sole, in spiaggia, un posto assolutamente più ragionevole per trovare ristoro.

La qualità della nostra vita passa inevitabilmente dal prendersi cura di noi e degli altri, per questo abbiamo il dovere di non cedere davanti a questa silente condizione imposta da chi ha voluto la crisi, che ci vuole incatenati a situazioni precarie, perciò ricattabili

Rivendicare sul posto di lavoro delle condizioni fisiche e morali dignitose è un dovere di ognuno di noi, quindi mentre ci facciamo due risate pensando all’eventualità di dover dormire in ufficio su un materassino gonfiabile, interroghiamoci se ci va, sul perché dopo centocinquanta anni di lotte popolari in nome di un lavoro che sia umano e dignitoso, siamo arrivati a questo punto, dove addirittura l’art 18 è stato toccato.

Sarà forse che ci dobbiamo dare una svegliata?

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook