Alimentazione & Stile di vita, Attualità

In Italia il consumo del suolo viaggia a 8 mq al secondo

Schermata 2014-08-19 alle 17.45.15Là dove c’era l’erba ora c’è una città, e quella casa in mezzo al verde ormai, dove sarà? Cantava tanto tempo fa Celentano.

Beh io non sono nato negli anni del dopo guerra in via Gluck, ma anche dietro casa mia c’erano degli spazi verdi di campagna; oggi al loro posto sorge un centro commerciale con tanto di parcheggio coperto, e un bel cemento Portland color smog ha rimpiazzato la terra grassa e l’erba verde tipica delle campagne emiliane.

Si costruisce dappertutto, è un dato di fatto, basti pensare che per oltre 50 anni sono stati consumati in media più di 7 mq al secondo, ma oggi il fenomeno è in accelerazione sulla media di 8 mq al secondo. A rivelarci la stima precisa di ciò che i nostri occhi sapevano già è l’edizione 2014 dell’annuario dei dati ambientali dell’Ispra, da cui si può ricavare un triste risultato: abbiamo perso circa 22.000 kmq di suolo.

Le regioni che consumano di più sono il Veneto e la Lombardia seguite a breve distanza da Emilia Romagna, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Ma al di la del fatto che il nostro Paese è ad alto rischio geologico-idraulico, e che in soprattutto in questi ultimi tempi le condizioni climatiche sono diventate estreme, provocando frane, alluvioni e disastri che mettono sempre più spesso in serio pericolo le costruzioni e le persone, stiamo sacrificando la natura e la bellezza tipica dell’Italia.

Il nostro è un Paese meraviglioso, e se fossero attuate delle politiche mirate a preservare il territorio con la sua bio diversità, e naturalmente a tutelare le strutture storiche mettendole in sicurezza ne avremmo tutti da guadagnare. Questo non significa che non si possano più costruire abitazioni, ma il punto è che se in passato abbiamo esagerato, ora stiamo sconfinando nell’idiozia.

Serve cura e rispetto per l’ambiente, ripartendo in primo luogo dall’agricoltura; e poi, non si può pensare di tutelare la natura impacchettando qualche albero malato fra un palazzone e l’altro, dove alcune reclam ci informano che potremo mangiare la nostra insalata tristemente avvolta da una confezione di plastica che se la schiacci si condisce da sola, comodamente seduti su una panchina design a forma di cuore fatta di compensato proveniente dalle foreste del nord Europa.

Andiamo, ma chi volete prendere in giro?

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook