Notizie

Ispezione a sorpresa nel laboratorio di vivisezione di Modena

Jigokudani_hotspring_in_Nagano_Japan_001Una vicenda agghiacciante, 15 macachi tenuti prigionieri; destinati alla morte dopo aver subito esperimenti al cervello senza anestesia.

Martedì scorso, il deputato del M5S Paolo Bernini, è andato allo stabulario dell’Università di Modena e Reggio Emilia con Piercarlo Paderno di Animal Amnesty.

La visita ai laboratori interni è stata negata ma il video pubblicato su Repubblica la dice lunga; i primati, vengono tenuti prigionieri in piccole gabbie all’interno della struttura, trascorso un periodo di addestramento in cui famigliarizzano con gli operatori vengono indirizzati alla sperimentazione.

Il macaco ideale è un giovane maschio che ha dato prova di una particolare mansuetudine, così da potergli insegnare i movimenti che dovrà ripetere durante la atroce sperimentazione che si concluderà con la morte della cavia.

I primati subiscono un intervento chirurgico in cui viene creata una breccia ossea al di sopra della zona corticale che si vuole studiare, e inizia qui la sperimentazione vera e propria; si tratta di operazioni condotte senza anestesia, in cui i macachi possono stare anche un anno legati ad una sedia con degli elettrodi piantati nel cervello.

La domanda posta ai ricercatori è stata se queste sperimentazioni servono per curare qualche malattia particolare, la risposta data fa davvero rabbrividire: “Effettivamente, essendo ricerca di base, ha il solo scopo della conoscenza”.
Ma la ciliegina su questa torta sporca di sangue sono le affermazioni di una ricercatrice:“La cosa veramente affascinante è che più conosci, più ti accorgi che ci sono cose da conoscere” e ridendo, prosegue affermando: “Se uno si dovesse frustrare perché non ne vede la fine, allora è meglio che cambi mestiere”.
Cari arditi conoscitori alla ricerca delle cose da conoscere, perché non iniziate a documentarvi partendo dai classici, ad esempio dal buon Publio Ovidio Nasone, che affermava già ai suoi tempi, e parliamo dell’antica Roma :”La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini” .

Ricordatevi di queste parole, perché anche se probabilmente non lo capite, avete dato esempio di crudele barbarie, e questi episodi, sono una vergogna per il nostro Paese; non a caso Gandhi affermava che: “ La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali”.

Non è questione di essere animalisti, ma di non ritenere giusto che ad un altro essere vivente venga inflitta una crudeltà come quella che state infliggendo a questi poveri animali, è una questione di empatia, di elevazione morale, di amore, mentre sperimentazioni di questo tipo sono esempio di orrore.

Perché non vi date al volontariato, potreste conoscere molte situazioni interessanti, anche legate al tema degli animali, se c’è andato anche il nostro Silvio nazionale a fare assistenza lo potete fare anche voi, sui quotidiani in edicola potrete sicuramente trovare l’annuncio che fa al caso vostro.

L’unica raccomandazione che è bene darvi, è che se date un’occhiata ai giornali locali Modenesi, mi raccomando, non date peso alla notizia del gatto trafitto da una freccia scagliata da una balestra ad Albareto, ma fortunatamente salvato dai volontari del Centro Soccorso Animali, non si sa mai che vi vengano strane idee in testa.

P.S.
Visto lo stato di cose di cui sopra, un pensierino sul cambiare lavoro io lo farei..

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Davide Mantovani
Load More In Notizie

Check Also

I parassiti vanno estirpati evitando che trovino di che nutrirsi

I parassiti si debellano efficacemente tenendo puliti gli ...

Cerca

Facebook