Attualità, Cultura, Economia, Flash News, Home, Notizie, Politica, Scie chimiche & Chemtrails

Italia, un Modello di Virtù, Prima della Classe

In questi mesi in cui la moltiplicazione dei problemi procurati alla vita della gente sta galoppando, è ancora più necessario, fare in fretta quello a cui ci siamo dedicati negli ultimi decenni: osservare, percepire, ricercare e accettare di vedere e di capire, anche se non avremmo mai voluto conoscere questa realtà.

Osserviamo un degrado senza precedenti. Osserviamo il dilagare della menzogna, elevata al rango di verità, nutrita ed alimentata dalla paura, in un crescendo quotidiano senza sosta. Percepiamo gravi ed inevitabili conseguenze nelle economie nazionali di tutto il mondo, gravi ed inevitabili conseguenze sulla salute psicofisica, mentale, morale dei popoli della terra.

Osserviamo da tempo questa involuzione della nostra società e abbiamo imparato a conoscere l’intenzionalità e la determinazione delle aggressioni all’ambiente scatenate dall’inizio del millennio, scrivendo al riguardo un dossier (1). Così come abbiamo potuto capire quell’attività con l’aiuto di pochi coraggiosi che, potendo, hanno scelto di infrangere quel muro imposto di omertà e silenzio, accorgendoci che tutto era palese ed evidente sotto gli occhi di tutti, nello stesso modo ora, che è cambiato il bersaglio preso di mira, vediamo che è proprio quel muro di paura, voluta e ingigantita, che ci impedisce di mettere a fuoco delle cause evidenti, palesi e dichiarate, rimosse le quali, la nostra vita potrebbe non subire ulteriori danni.

Un po’ di storia. Mentre l’Italia attraversava la stagione dei disastri ambientali, di cui nel dossier menzionato abbiamo documentato la natura (sette terremoti distruttivi al 6° di magnitudo in sette anni 2009/16 e 331 frane e 105 alluvioni nel biennio 2014/15) nel 2014 la Global Health Security Agenda decide che l’Italia avrebbe guidato nei successivi cinque anni le strategie e le campagne vaccinali nel mondo (2). Il ministro Lorenzin riceve questo ordine in visita da Barack Obama, scambiato per un riconoscimento scientifico e culturale e prepara un testo di legge, la 119, che impone ai bambini italiani una sperimentazione vaccinale, in un primo tempo di 12 poi scontati a 10 vaccini obbligatori, a partire dai tre mesi di età.

Senza trascurare l’ambiente, che continua ad essere doverosamente danneggiato, l’attenzione viene dirottata sulla salute dell’essere umano a partire dai bambini, per arrivare allo scoppio di una strana pandemia, abbondantemente annunciata, prevista, ipotizzata in tutte le sue componenti, compreso l’agente scatenante, dal Memorandum della Rockefeller Foundation, pubblicato nel 2010, intitolato Scenari per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale (3, 4, 5), presentato al mondo come ipotesi o modello probabilistico, in cui si tratteggiano proiezioni catastrofiche e terrorizzanti, ipotizzando lo scoppio di una pandemia:

“…il contagio dovrebbe infettare il 20% della popolazione globale, uccidendo almeno 8 milioni di persone in soli sette mesi.” (ndr: per fortuna non è successo esattamente così)

“…i popoli saranno costretti a cedere la propria sovranità a un governo più autoritario a carattere ultraglobalista e ipercapitalistico. Tale governo controllerà millimetricamente le vite, con la scusa della sicurezza.”

“…il controllo panottico delle vite raggiungerà l’apice nel 2025, in quella data i cittadini saranno completamente sudditi e saranno i governanti a decidere sovranamente per loro e per le loro esistenze.”

Facciamo finta che siano dei burloni alla Rockefeller Foundation, e che si divertano insieme al filantropo Bill Gates a spaventare i comuni mortali, certo che entrambi esternano molto tranquillamente la loro più grande preoccupazione: l’abbondanza della popolazione mondiale! È un tarlo vero e proprio, pare non ci dormano la notte! La storia prosegue. Dieci anni dopo, pubblicato il 19/05/2020 sul settimanale “L’arte della guerra”, un articolo a cura di Manlio Dinucci. (6)

“Piano USA: controllo militarizzato della popolazione” ci informa che la Fondazione Rockefeller ha presentato un altro paper 2020, intitolato “Piano d’azione nazionale per il controllo del Covid-19” in cui sono indicati i passi pragmatici per riaprire i nostri luoghi di lavoro e le nostre comunità.

“Questo piano” scrive Dinucci “a cui hanno contribuito le maggiori università americane (Harvard-Yale- Johns Hopkins, ecc) prefigura un vero e proprio modello sociale gerarchizzato e militarizzato.”

Al vertice il “Consiglio di controllo della pandemia, composto da leader del mondo degli affari, del governo e del mondo accademico, con al primo posto filantropi e ministri della finanza e dell’economia, dotati del potere supremo di decidere produzioni e servizi. Il Piano prevede che occorre sottoporre al test Covid-19 per ora settimanalmente fino a 3 milioni di cittadini statunitensi, con l’obiettivo di sottoporre al test 30 milioni di persone al giorno, entro un anno. Secondo il Piano, questo Consiglio di controllo viene anche autorizzato a creare un ‘corpo di risposta alla pandemia’, una forza speciale, non a caso chiamata Corpo, come quello dei Marines, arruolato tra i volontari delle varie organizzazioni americane già operanti e tra i militari della Guardia Nazionale. Compito di tale corpo è quello di controllare la popolazione con tecniche di tipo militare, attraverso sistemi digitali di tracciamento e identificazione, sistemi realizzati da Apple, Google, Facebook. In base ai dati forniti dal Consiglio di controllo della pandemia, verrebbe deciso di volta in volta, quali zone sarebbero sottoposte al lockdown e per quanto tempo.”

La burla, se di burla si tratta, è diventata davvero pesa; stiamo sacrificando a queste imposizioni, che prendiamo per buone a scatola chiusa, tutta la nostra ricchezza nazionale, la nostra civiltà. Stiamo accettando inconsapevoli e, seguiamo passo dopo passo, un cambiamento radicale di tutto ciò che ci riguarda, di noi stessi e delle nostre vite, che non abbiamo richiesto, senza essere in grado di sapere né dove ci porta, né se ci vogliamo andare. Attoniti e ottenebrati riusciamo solo a subire e a fare “i bravi”!

Siamo “scolari modello” qualunque cosa ci chiedano noi facciamo di più: ci obbligano a portare al chiuso delle mascherine, che non servono ad altro che impedirci di respirare e sorridere? Bene, noi le indossiamo anche fuori all’aria aperta e anche se siamo da soli. Ci fanno indossare guanti di plastica nei negozi? E noi siamo così fenomeni che i guanti li mettiamo anche in macchina sotto il sole. Ma i più bravi in assoluto, quelli da dieci e lode, e medaglie puntate sul petto, i nostri guardiani, quelli che adattano le imposizioni piovute da oltre oceano sulla testa delle popolazioni che governano. Politici, con i fiocchi e i controfiocchi che, sbattendo il pugno sul tavolo, tuonano dal pulpito delle televisioni mainstream loro compiacenti, che sono pronti ad andare a stanare i propri cittadini, casa per casa, e ad organizzare campagne a tappeto di test sierologici con l’aiuto di un esercito di volontari che saranno opportunamente preparati. Non manca all’appello nemmeno il “corpo di volontari”.

Se stiamo apettando che ci diano il permesso di tornare ad essere noi stessi, se aspettiamo autorizzazioni a riprenderci la nostra libertà, ci sia chiaro che ci stiamo sbagliando. Per come li abbiamo ormai abbondantemente conosciuti, non si fermeranno e quello che vogliono lo dicono chiaramente da molto tempo e lo fanno. Hanno tutti i mezzi per farlo, tecnologia e soldi al massimo livello, ma quello che gli rende di più in assoluto, quello che garantisce davvero il loro successo è il nostro consenso, la nostra collaborazione! Siamo semplicemente noi, che lavoriamo per loro e non per noi stessi e per i nostri figli.

Lo hanno sempre detto che ci avrebbero fatto fare quello che loro vogliono che noi facciamo, perché se noi fossimo meno bravi, anzi assolutamente non bravi, non ci sarebbe tecnologia possibile: noi siamo miliardi e loro l’1% a cui diamo quel valore che non hanno, quel credito che non si meritano e quei soldi che un illegittimo presidente del consiglio non eletto da nessuno, su sollecitazione di Bill Gates, ha già dato all’OMS e che a breve toglierà anche agli Italiani.

Siamo a un punto così critico che forse non sbagliamo se ci ricordiamo dei nostri veri pregi. Gli Italiani sono sempre stati famosi perché indomabili, irrispettosi, ingestibili, incapaci di rispettare regole e file, di fare sempre di testa propria, ma anche di pensare, di collegare e di farla funzionare la propria testa. Noi siamo Italiani, scafati e cocciuti!

Stavo concludendo questo articolo quando ho ascoltato gli interventi in piazza di ieri 30 Maggio 2020 a Roma: meravigliosa sorpresa, lo spirito italico sta risorgendo, interventi a braccio “de core e di sostanza”, gente consapevole che incomincia a invadere le strade! Largo a noi, Esseri Umani! I pidocchi, i parassiti e le larve non possono competere con noi!

Fonti:
(1) Riprendiamoci il Pianeta – Dossier Commissione Geoingegneria
(2) Aifa.Gov.it – L’Italia capofila per le strategie vaccinali a livello mondiale
(3) NoGeoIngegneria.com – April 2020 the document of the Rockefeller foundation exhibits to test…
(4) FrancescoAmodeo.it – Lockdown; App di tracciamento; 5G: la pandemia descritta 10 anni fa dalla…
(5) Academia.edu – Scenarios for the Future of Technology and International Development
(6) IlManifesto.it – Piano Usa: controllo militarizzato della popolazione

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Magda Piacentini
Load More In Attualità

Check Also

Ci Hanno Messo all’Angolo, Riprendiamoci!

È assolutamente ora che ci riprendiamo, che ci ...

Cerca

Facebook