Notizie

La meditazione apre il cuore e la mente, migliorando la salute

meditazioneL’umanità pare essere allo sbando, non passa giorno che si debba prendere nota di avvenimenti sempre più distanti da un bene comune percepito come possibile. Ma come si fa a cambiare tutto questo? Nessuno possiede la pozione magica, ma quelli che sono più in contatto con la propria anima propongono la rivoluzione delle coscienze, avvalendosi della meditazione per far sì che ciò avvenga.

L’umanità versa in uno stato d’ignoranza estremamente limitante, proprio non ce la fa ad esprimere altro, soprattutto ad identificarsi nell’altro per comprendere se stessi, e le reali motivazioni del proprio agire. Non vede al di la del proprio naso, e come si fa a migliorare questa percezione senza la pratica della meditazione?

Vedere meglio è il vero segreto, e la meditazione conduce a questo, il resto verrà di conseguenza, perché distaccarsi dalla propria percezione consente una visione più ampia degli eventi, riuscendo a cogliere in ognuno il senso di ciò che sta vivendo. Bisogna seminare bene per raccogliere adeguatamente, la meditazione consente di mettere a dimora quelle possibilità che germoglieranno in un futuro prossimo.

La meditazione produce molteplici aspetti:

  •  La mente si acquieta, e sappiamo bene dell’importanza di questo per un corpo sano
  • Si fa strada un senso di benessere stabilizzando l’umore
  • Aumenta le capacità della mente, favorendo la concentrazione, così da acquisire chiarezza anche nei momenti più difficili
  • Le paure possono essere affrontate con maggiore forza, sulla base di un aumento della consapevolezza
  • Armonizza le relazioni
  • Favorisce la produzione di endorfine, un anestetico naturale prodotto dal cervello, analgesico e nello stesso tempo eccitante
  • Riduzione delle malattie cardio-vascolari
  • Miglioramento dei disturbi del sonno
  • Maggiore capacità di assimilazione dei cibi, non solo sul piano fisico, ma anche sul piano delle emozioni e quello dei pensieri

L’elenco sarebbe molto più lungo, ma penso che bastino, per ora, questi aspetti. Pensate che acquisendo queste condizioni l’essere umano sarà ancora disposto a farsi la guerra? Certamente vi sono tempi e modi dell’evoluzione umana che vanno rispettati, visto che non tutti sentono il bisogno di portare la meditazione nella propria vita.

Ma non vi sembra il caso di spendere un po’ del nostro tempo alla cura di noi stessi e alla meditazione, in particolare della nostra natura emotiva, la quale, altrimenti, orienterà sempre e comunque, i pensieri verso una ragione da imporre sull’altro? Non vi sembra che si creeranno, in questo caso, inevitabili separazioni che si incisteranno sino a far cronicizzare la malattia?

Non è tempo di ragioni, è tempo di accoglienza, la meditazione rappresenta una vera rivoluzione delle coscienze, e a questo riguardo vi consiglio un libro di Massimo Rodolfi che ho letto con passione  http://www.yogavitaesalute.it/draco-edizioni-shop/la-rinascita-ditalia-attraverso-lamore/ e la lettura di un articolo della mia amica Anna, la quale, con il suo delicato modo di scrivere, e nello stesso tempo efficace,  ci parla della meditazione e dei suoi benefici http://www.yogavitaesalute.it/3-buone-ragioni-per-intraprendere-la-pratica-della-meditazione/ … al punto tale che, se non avessi già cominciato a meditare da molto tempo sarei stato convinto a cominciare.

Questo per dire che cosa? Semplicemente che ognuno, dove la vita lo ha collocato, deve divenire sempre più innocuo, e per fare questo deve “vedere” bene, senza essere imprigionato dall’ignoranza che tende a far vedere pericoli che in realtà non ci sono, per giustificare la propria aggressività.

La meditazione vi aprirà la mente e il cuore, aiutandovi a cogliere le opportunità insite nella vita, percependo la diversità come necessaria e funzionale alla guarigione di questo pianeta.

Ciò che è separato produce malattia, quello che invece è unito produce risanamento. Partiamo da questo nel dirimere le nostre piccole/grandi guerre quotidiane che portiamo avanti perorando le nostre ragioni, prima di giudicare gli altri. Facciamo noi ciò che vorremmo facessero gli altri, con la meditazione, tutto questo, potrà divenire possibile.

Nessuno è perfetto ma sempre perfettibile, facciamo della cedevolezza un vanto, supportati da una meditazione che alimenti la nostra consapevolezza, riconoscendo attraverso di essa che solo in questo modo potremo ricevere i benefici di una vita sempre pronta ad accoglierci per quello che siamo.

Buona meditazione, se lo vorrete, e se volete saperne di più, le conferenze gratuite della scuola Energheia potranno rappresentare un valido appuntamento al riguardo http://www.yogavitaesalute.it/conferenze/categoria/yoga-vita-e-salute-yvs/

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Graziano Fornaciari
Load More In Notizie

Check Also

Il pianeta Terra è sempre più devastato

Le foreste secche del Gran Chaco sono la ...

Cerca

Facebook