Alimentazione & Stile di vita, Notizie

L’Italia importa amianto… ma non è illegale?

L'amianto è una "bomba a tempo"

L’amianto è una “bomba a tempo”

L’amianto è responsabile del mesotelioma pleurico e del carcinoma polmonare, per questo in Italia è proibito usare amianto dal 1992, lo stesso vale per l’Occidente, dove è ormai vietato a partire dagli anni “80.

Questa restrizione non vale per altri Paesi che, per la maggior parte, si trovano in Africa e Occidente, infatti, l’amianto, viene ancora usato senza tenere conto dei danni permanenti che è in grado di procurare.

Uno di questi Paesi è l’India, che importa l’amianto da Russia, Brasile, Canada, Kazakistan e Cina e, nello stesso tempo, lo esporta sotto forma di manufatti. L’assurdità, proviene dal fatto che, questo materiale, sia ancora in circolazione, ma la storia non finisce qui purtroppo.

La sorpresa è che, nel 2011-2012, l’Italia figura il massimo importatore di manufatti all’amianto dall’India: 1.040 tonnellate su un totale generale di 1.296, mentre gli altri Paesi sono tutti africani e in via di sviluppo, quindi, si tratta di una ottima occasione per propinare loro veleni.

L’Italia, in questa storia, è quasi certamente complice, e visto che la madre di coloro che si dedicano al malaffare è sempre incinta, probabile che l’importazione dell’amianto serva al mercato interno, ma soprattutto per il mercato estero, in quei luoghi dove il costo della vita umana è prossimo se non pari allo zero.

Il pubblico ministero di Torino Raffaele Guariniello, sempre sulle barricate quando si tratta di fare chiarezza in questi intrighi, ha pensato bene di aprire una inchiesta al riguardo, in considerazione del fatto che, nel 2013 e nel 2014, le importazioni di amianto sono continuate.

Quanta ignoranza alberga ancora nell’animo umano, visto che pur di fare profitti è disposto ad avvelenare il prossimo. D’altra parte, in questi casi, non si riesce a vedere altro, se non l’avida disposizione animo, testimonianza di un male che è ancora lontano dal divenire un “rumore di fondo”.

Il male è ancora, purtroppo, una presenza inquietante, soprattutto di questi tempi, nei quali, probabilmente, è maggiormente bollato, manifestandosi con una virulenza tesa a impedire che la luce risani questa anomalia.

Non si può cambiare ciò che non si conosce, e allora questo male emerga se non può farne a meno, se il tutto andrà a creare maggiore salute sulla faccia della Terra. Siamo in presenza di una infezione che deve essere spurgata affinché la parte malata possa essere risanata, il “pus” deve uscire.

Quanto questa storia andrà avanti non è dato sapere, ma se ognuno vorrà fare la sua parte, mettendo in atto una personale rivoluzione non violenta delle coscienze, avremo fatto un passo avanti nel creare una umanità che abbia a cuore il bene comune.

Fonte: articolo di Mario Pappagallo pubblicato sul Corriere della Sera del 11 Gennaio 2015

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Graziano Fornaciari
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

Il pianeta Terra è sempre più devastato

Le foreste secche del Gran Chaco sono la ...

Cerca

Facebook