Alimentazione & Stile di vita

Ogm nei prodotti made in Italy: gli alimenti transgenici che non ti aspetti

 

ogm 1

Il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto di Parma, la mozzarella di bufala Campana e molti altri alimenti tipici italiani sono prodotti con mangimi transgenici.  Sono ben pochi gli alimenti che possono essere considerati Ogm free. Prosciutto, mozzarella, petto di pollo, bistecca, latte, yogurt, pesce e uova, seppur Dop e Igp, sono a “rischio”. Questo è il sunto dell’inchiesta svolta dal Salvagente che riapre il problema della sicurezza alimentare.

Nonostante Il Governo abbia appena varato un decreto legge  che colpisce chi semina e coltiva Ogm in campo con una pena che va dai 6 mesi ai tre anni di reclusione e una multa che può variare dai 10.000 ai 30.000 euro e costringe i responsabili a estirpare le coltivazioni transgeniche e a risarcire i danni provocati alle produzioni biologiche attigue la battaglia contro gli Ogm è ancora lunga e molto insidiosa.

Visto che i cittadini non ne vogliono sapere di consumare alimenti transgenici, infatti in commercio non trovate neanche un prodotto etichettato Ogm, i prodotti biotech arrivano sulla tavola in un altro modo. Gran parte degli animali di allevamento sono nutriti con mangimi transgenici e quindi il prodotto finale che arriva sulle tavole degli italiani risulta contaminato. Alcune aziende per venire incontro all’esigenze dei consumatori stanno cercando di rendere totalmente ogm free l’intera filiera produttiva, ma non possiamo accontentarci che sia il mercato a regolamentare un qualcosa che è nocivo per il benessere https://www.primapaginadiyvs.it/monsanto-racconta-balle-lautorita-sullalimentazione-efsa-crede-babbo-natale/

Gli Ogm oltre a minare la salute, e già questo basterebbe per bandirli all’istante dalla faccia della terra, ci provocano dei pesanti disavanzi nella bilancia commerciale. Ogni anno gli allevatori importano l’80% di quello che gli occorre per gli allevamenti. Perciò dipendiamo dalle scelte delle multinazionali agrochimiche. Stiamo pagando duramente ciò che comporta trovare sul mercato prodotti ogm come la soia e il mais a basso prezzo. I mangimi biotech hanno contribuito a distruggere la biodiversità e a consegnare la nostra agricoltura a colossi come Monsanto e Pioneer. Un tempo avevamo 400 tipi di granturco che adattandosi al microclima ci rendevano meno dipendenti dalle variazioni climatiche, adesso, secondo Legambiente, in Italia  vengono coltivate soltanto tre specie di mais.

Nell’epoca della globalizzazione la libertà di scelta viene sempre più messa in discussione. L’inganno e il crimine sono il pane quotidiano delle multinazionali. Prima che dei consumatori, siamo degli esseri umani e in quanto tali dovremmo prenderci cura della quantità e della qualità di quello che arriva sulle tavole di ognuno.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Luca Tomberli
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

Un ragazzo salverà il mare dalla plastica

Boyan Slat, un diciannovenne olandese, sogna di pulire ...

Cerca

Facebook