Notizie

Il pane  tradizionale  è a rischio “estinzione”

250px-pane_altamura

Il favoloso pane DOP di Altamura rischia di sparire, insieme ad altri ottimi prodotti dell’Alta Murgia come la lenticchia gigante, la cicerchia e il cece nero. L’SOS è stato lanciato dal presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. La coltivazione del grano duro come il Simeto, l’Appulo, l’Arcangelo e il Duilio necessario per panificare il vanto dell’Alta Murgia sta venendo a mancare. Il pane è il simbolo del nutrimento dell’umanità e Federico II lo volle celebrare inserendolo nel portale della cattedrale di Altamura. Oltre al panda e all’orso polare anche i piatti tradizionali rischiano l’estinzione. Le sinistre imposizioni di una perversa élite mondiale alimentano il dramma della fame nel mondo e cancellano il cibo sano e gustoso

L’industria agroalimentare impone dei semi diversi da quelli tradizionali, in quanto l’ingombro delle piante coltivate deve essere in accordo con le esigenze della lavorazione meccanica . Inoltre le coltivazioni devono rispettare anche il diktat delle multinazionali. L’alta resa è il requisito necessario per accedere ad un mercato controllato dai supermercati e dai somministratori di fast food. Inoltre i contadini sono costretti a ricorrere alla chimica per soddisfare i bilanci delle multinazionali agrochimiche.  Il made in Italy versa in grave difficoltà, l’agricoltura industriale cancella il meglio della nostra tradizione ed impoverisce i terreni. I produttori locali vengono strangolati dalle logiche perverse di un mercato pensato per i grandi numeri che se ne infischia della qualità, in quanto interessato solamente alla quantità e a immettere pesticidi nell’ambiente.  Così rischiamo di ammalarci e di vivere nei ricordi di un sapore di un tempo andato.  E’ necessario invertire questa tendenza.

La politica si deve assumere la sua responsabilità e favorire il ritorno all’utilizzo dei semi autoctoni. I coltivatori diretti non devono essere lasciati soli contro lo strapotere delle multinazionali agrochimiche. Non è una operazione nostalgia ma una scelta che si può rivelare vincente in un mercato massificato come lo è quello globalizzato. Il prodotto dal sapore originale avrà sempre i suoi estimatori. Inoltre i semi tradizionali sono stati selezionati, nei secoli, dalla natura per resistere agli insetti e al clima del luogo. Così il ricorso alla chimica potrebbe essere fortemente diminuito e in alcuni casi del tutto escluso. Tutto ciò abbasserebbe i costi di lavorazione  e soprattutto verrebbe salvaguardata la salute del consumatore, che viene sempre più messa a rischio dai pesticidi presenti nei prodotti in commercio. Non credete alle sirene del male, fin da ora avremmo le risorse per riuscire a sfamare tutta la popolazione mondiale e allo stesso tempo mantenere viva la cucina tradizionale.

Share this Story
  • Notizie

    Il pane  tradizionale  è a rischio “estinzione”

    Il favoloso pane DOP di Altamura rischia di sparire, insieme ad altri ottimi prodotti dell’Alta Murgia come la lenticchia gigante, la ...
Load More Related Articles
Load More By Luca Tomberli
Load More In Notizie

Check Also

Pesticida Monsanto trovato nei prodotti intimi femminili

Il principio chimico del pesticida più venduto al ...

Cerca

Facebook