La pizza è sempre più taroccata

pizza 6

La buona pizza è sempre più un ricordo lontano, il simbolo del made Italy sta scomparendo. Secondo una ricerca commissionata da Coldiretti, risulta che due pizze su tre ( il 63%) contengono ingredienti importati dall’estero. Nel bel paese mangiare una pizza in compagnia è divenuta un’abitudine. Il piacere per la “margherita” unisce le diverse generazioni. Nonni, genitori e figli trovano un magico accordo di fronte ad una “napoletana” fumante. Anche se non è tutto oro quello che luccica.

Quando ordiniamo una pizza dobbiamo tenere conto che gli ingredienti possono essere taroccati. Nell’epoca della crisi, la qualità del cibo si è abbassata enormemente e i consumatori ne subiscono le conseguenze.  Le pizze vengono, sempre più, preparate con prodotti scadenti. La mozzarella è sostituita da dei semilavorati industriali, le cagliate, provenienti dall’est europeo. Il pomodoro arriva dalla Cina o dagli USA . Quando va bene l’olio è di oliva e proviene dalla Tunisia e dalla Spagna, altrimenti viene usato quello di semi. La farina viene importata dalla Francia, Ucraina e Germania.

Le 50.000 pizzerie italiane fatturano 10 miliardi di Euro. Numeri elevati per un giro d’affari importante, ma se la pizza diventerà sempre più scadente, siamo sicuri che la gente continuerà a riempire le pizzerie? Inoltre l’agricoltura locale subisce dei danni enormi e rischia di essere dispersa quella varietà di coltivazioni autoctone che hanno reso il made in Italy famoso nel mondo per la sua bontà. Certo è che siamo veramente idioti, stiamo distruggendo tutto quello che c’è di buono. Così ci perdiamo tutti. Il gusto, la salute e il giro d’affari dipendono dal ritorno ad un commercio pensato per l’uomo.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Luca Tomberli
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

Pesticida Monsanto trovato nei prodotti intimi femminili

Il principio chimico del pesticida più venduto al ...

Cerca

Facebook