Alimentazione & Stile di vita, Notizie

Privacy: sempre più controlli per essere meno sicuri

american-airlines-26be5d0f239785a3Le restrizioni alla nostra libertà sono sempre più giustificate da un bisogno di sicurezza che, da più parti, viene ritenuta una priorità. La privacy viene continuamente erosa da forme pensiero che vengono alimentate da chi conosce bene le regole del “gioco”, regole che devono farti sempre sentire “scoperto” nei confronti di possibili minacce di cui non si conosce l’origine e, proprio per questo, possono giungere quando meno te lo aspetti… una “minaccia di Damocle” costante.

Per esempio quello che accade negli aeroporti dopo l’attentato alle torri gemelle nel 2001, controlli sistematici che dovrebbero metterci al sicuro da possibili attentati, controlli che mettono a dura prova la nostra privacy con pazienza al seguito, controlli che sono mirati nel creare autocontrollo, così da consumare tempo ed energie per ottemperare alle regole imposte… regole che, come riportato da più parti, non impedirebbero l’infiltrarsi di chi vuole recare danno.

La riprova giunge dagli Stati Uniti, visto che il 95% dei test ai varchi d’ingresso eseguiti da agenti sotto copertura del ministero della Sicurezza Interna (Homeland Security) sono falliti. Gli agenti di controllo ai varchi aeroportuali, come riportato da un articolo sul corriere.it, non hanno individuato armi vietate in 67 casi su 70 in decine di aeroporti, come riferito dalla rete televisiva Abc. Per esempio, in uno dei test falliti un agente sotto copertura è stato sì fermato mentre tentava di spegnere un allarme a un varco ma l’ispettore che poi lo ha perquisito non è stato in grado di scoprire.

Non credo che gli aeroporti europei facciano eccezione, noi continuiamo pure a fare file, a preoccuparci di non prendere contenitori per i liquidi o altro superiori a 100 ml o altre limitazioni di questo genere, nella convinzione che tutto questo ci metta al sicuro da eventuali attentati… continuiamo pure… d’altra parte non possiamo fare altrimenti, dovendo seguire questa onda, ma non si può non rimarcare il fatto che tutto questo serve ad “impecorirci”, radunandoci in massa così da essere controllati meglio, una specie di gregge al pascolo per farci consumare tempo ed energie alla fine di sfibrare ogni resistenza.

Ci vogliono così, miti e rassegnati, in pratica sempre meno umani.

Share this Story
Load More Related Articles
Load More By Graziano Fornaciari
Load More In Alimentazione & Stile di vita

Check Also

Il pianeta Terra è sempre più devastato

Le foreste secche del Gran Chaco sono la ...

Cerca

Facebook